L'Esercizio della Lingua

L'Esercizio della Lingua
Lello Voce

con gli A67, Maria Pia De Vito, Canio Loguercio, Gabriele Frasca, Roberto Paci Dalò e Raiz.
Museo Hermann Nitsch sabato 21 febbraio 2009 ore 17.00

Il 21 febbraio al Museo Hermann Nitsch di Napoli, presentazione con ‘live perfomances’ del libro/raccolta di poesie datate dal 1991 al 2008 di Lello Voce: L’esercizio della lingua. Al libro è allegato un interessante DADV (Digital Audio Digital Video ), un supporto innovativo che riunisce in un solo oggetto un CD e un DVD e che è riproducibile su qualsiasi lettore cd o dvd attualmente in commercio. Il titolo di questa produzione ad alto tasso culturale è Piccola Cucina Cannibale; in essa sono proposti circa 200 minuti di registrazioni con musiche di Paolo Fresu, Michael Gross, Frank Nemola e video di Giacomo Verde e Robert Rebotti.
Alla presentazione, oltre a Lello Voce, gli A67, Maria Pia De Vito, Canio Loguercio, Gabriele Frasca, Roberto Paci Dalò e Raiz.

Lello Voce
L’esercizio della lingua
Poesie 1991-2008

Nomen omen: è stato alle pratiche ibride di Lello Voce – tra parola e musica, immagine e spettacolo – che in questi anni s’è legata la tendenza della poesia a quella che un profetico Antonio Porta, già nel 1980, definiva la scelta della voce. Tanto che la pagina scritta, nel suo caso, finisce per essere quasi un libretto del testo vero e proprio: consistente nella sua interpretazione da parte dell’autore così com’è consegnata, qui, a un ricchissimo disco audio e video. Una corporeità scalpitante, mai riconciliata; che, dando fiato ai polmoni, restituisce alla poesia la sua presenza, prerogativa da un paio di secoli messa in disparte.
Tutt’altro che in disparte, e anzi sempre risolutamente di parte, è stato Voce in questi anni: senza temere di corrompere un linguaggio colto, tecnicamente quanto mai smaliziato, con le emergenze di una coscienza civile esplicita e, appunto, schieratissima. Non è un caso che Voce sia stato attentamente seguito dalla critica: da Haroldo De Campos a Franco Fortini, da Romano Luperini a Niva Lorenzini. Ma se il cittadino non fa mai mancare la sua partecipazione ai traumi della Storia in atto, come in ogni vero poeta questi stessi “fatti” si riverberano, in lui, in una forma allusiva, sottile, obliqua. Come nei componimenti aspri e percussivi di Fast Blood, cronaca stravolta ma riconoscibile dell’annus terribilis 2001 che però non a caso sono denominati Lai: lamenti antichi, e insieme modernissimi, di una Storia patita assai più che agita. Le cinque poesie nuove di Piccola cucina cannibale, «in equilibrio sulla punta della lingua» all’inizio del libro, accentuano questi toni ripiegati ancorché mai rassegnati: «ero futuro colmo di passato un mozzafiato ero la vittima / della storia ero gli anni di piombo e lo sguardo attonito sullo / strapiombo la morte nera il corpo di cera la sconfitta la ciminiera». All’indomani di un secolo tempestoso – che trova una memorabile sigla epica e allegorica nel Rap di fine secolo (e millennio) di Farfalle da combattimento – è giunto insomma il momento di rivolgere uno sguardo impietoso agli «errori già commessi». A patto, però, che non ci venga chiesto di dimenticare quelli degli altri.
Lello Voce è nato a Napoli nel 1957; vive e lavora a Treviso. È stato tra i fondatori del gruppo-rivista «Baldus» e ha fatto parte del Gruppo ’93; ha inventato e dirige i Cantieri Internazionali di Poesia Absolute Poetry, a Monfalcone; ha introdotto in Italia il Poetry Slam ed è il più noto EmCee italiano. Ha collaborato con artisti e musicisti come Paolo Fresu, Michael Gross, Frank Nemola, Giacomo Verde e Luigi Cinque. In versi ha pubblicato Singin’ Napoli cantare (prefazione di Giuliano Mesa, Ripostes 1985), (Musa!) (con audiocassetta, Mancosu 1991, introduzione di Romano Luperini), I segni i suoni le cose (con cd audio, Piero Manni 1995, presentazione di Niva Lorenzini), Farfalle da combattimento (con cd audio, prefazione di Nanni Balestrini e nota di Jovanotti, Bompiani 1999) e Fastblood (cd audio Absolut Poetry/Self 2005, musiche di Paolo Fresu, Michael Gross e Frank Nemola). Ha inoltre pubblicato il romanzo Il Cristo Elettrico (Noreply 2006) e curato il volume di Haroldo De Campos, L’educazione dei cinque sensi (Metauro 2005). Collabora a «l’Unità» e il suo sito è www.lellovoce.it.

Sabato, 21 Febbraio, 2009 - 19:00